ARTE COMPATTA: UNICITÀ - UMANITÀ  - UNIVERSALITÀ - UNIONE - UGUAGLIANZA      
 COMPACT ART : UNIQUENESS - HUMANITY - UNIVERSALITY - UNION - EQUALITY 
                                                                                                                                                OGNI PENSIERO, OGNI PAROLA, OGNI COSA                                                                      NE RICHIAMA UN’ALTRA.                                                                                                           IL MONDO RIFLETTE L’ESISTENZA CHE SI COMBINA.                                                                         NIENTE CESSA E TUTTO SI MODIFICA                                                                               FINO A CHE CI SARANNO OCCHI PRONTI A GUARDARE -                                                     ——————-——————————————————————————————————————————          EVERY THOUGHT, EVERY WORLD, EVERYTHING                                                      RECALLS ANOTHER.                                                                                                                 THE WORLD REFLECTS THE EXISTENCE THAT IS COMBINED.                                                                           NOTHING CEASES AND EVERYTHING CHANGES                                                          UNTIL THERE WILL BE EYES READY TO LOOK -                                                                  TM Box-Es


BIOGRAFIA

Artista cagliaritana, classe 1961. Tinamaria Marongiu si avvicina al mondo dell’arte come interprete di musica leggera. Nel finire degli anni ’70 si trasferisce a Roma dove stringe una collaborazione con autori e produttori già affermati che le daranno l’opportunità di realizzare e pubblicare il suo primo 45 giri. All’inizio degli anni ’80, con l’album dal titolo “Contremano”, arriva il successo musicale. La sua grande curiosità e necessità di nuove modalità espressive  saranno la spinta per un incessante lavoro di ricerca e sperimentazione. Autrice delle sue canzoni, poesia, fotografia, fino ad arrivare alle arti visive. Nel 2010 realizza le sue prime opere di “Arte Compatta” Box-Es. Realizzazioni materiche prive di progettualità, con la volontà di esprimersi liberamente all’interno di una società omologata e conformista. Nel 2011 partecipa alla Biennale di Chianciano e vince il 3° “Premio Leonardo” nella sezione “Arti Applicate”. La fama e l’originalità delle sue Box-Es la portano ad esporre con successo in Europa e negli USA.
#artecompatta

Box-Es n.1120 (covid 19) - 2020 cm.34x56x34

Attoniti ed inermi, muti sgomenti,                                                                 senza più parole e senza armi per lottare,                                            innanzi ad un nemico silenzioso, devastante,                                    che spegne i corpi dalla sera alla mattina                                     come in autunno le foglie dagli alberi in    campagna.                                                               Col fiato corto, sospesi a un filo,                                                                                   in troppi se ne vanno senza far ritorno,                                                                                                              mentre chi resta prega, piange i propri cari,                                                e spera che lesto si allontani il tempo del timore.                                                                                  Milioni di farfalle colorate                                                                                                                       sul cielo chiaro dell’estate                                                                                                        son battiti di cuori che allentano la corsa,                                             ed un sospiro a unisono del mondo                                                                                                    che spegne del dolore la sua morsa.                                                                                                                                                        Così com’è arrivato,                                                                                                                           il vento della guerra se ne andrà,                                                lasciando tracce al suo passaggio                                                                           e dando spazio a nuovi mutamenti                                                                       di cui nessuno è immune.                                                                                                                           Un giorno dopo l’altro rinasce la speranza,                                                con forza e con vigore;                                                                                                                     e così, come acqua fresca alla sorgente                                                 che sgorga dalla roccia e spinge a valle,                                                l’istinto ci riporta                                                                                                                                         al corso naturale                                                                                                                                        del fiume della vita.     
                                                                                         TM Box-Es 13/04/2020                       

NOTA CRITICA 2020                                                                       
La sua produzione costituisce il risultato di una ricerca costante ed in continua evoluzione. Dimostra, altresì, la commistione di aspetti diversi dell’arte capace di catturare suoni, parole, colori, materia, pensieri e accadimenti di questo nostro mondo sociale. L’oggetto di “Arte Compatta” che trova la sua collocazione all’interno della box. L’opera viene in questo modo affidata al tempo e ad essa viene assegnato un significato museale che predilige la tridimensionalità. Una descrizione minuziosa e personale dell’Universo che la circonda con la capacità di farci percepire l’indagine condotta sulla natura pregna di significati e simbologie. Alla fine, però, la riflessione che ne scaturisce è emozionale ed invitante, che incuriosisce e spinge ad addentrarci in questo suo viaggio creativo alla ricerca dell’essenzialità dell’Es-sere, frutto di un vissuto ricco di esperienze accostate ad uno studio della realtà assai profondo.                                                  
MARIO GUDERZO

ARTE COMPATTAUNICITÀ - UMANITÀ  - UNIVERSALITÀ - UNIONE - UGUAGLIANZA     
COMPACT ART : UNIQUENESS - HUMANITY - UNIVERSALITY - UNION - EQUALITY  

PRESENTAZIONE CRITICA DI LUIGI PAOLO FINIZIO MAGGIO 2012:


Ad osservarle le composizioni inscatolate con pareti trasparenti di plexiglass sembra che l’artista, Tinamaria Marongiu, c’inviti a guardare oltre la consueta ‘finestra’ dell’arte. Come a indurci ad  attingere a un mondo di forme che nascono ad arte dalla realtà che ci attornia. Dal mondo comune e dismesso delle cose, dai residui di materie consunte, dal loro grumo di polvere e inutilità, dalle loro sparse funzioni tossiche e corrosive o, magari, d’eccitazione e cura, come nel caso del ricorso alle pillole farmaceutiche, alle loro forme tondeggianti di paste dure e colorate.

Le materie miste a colori, gli oggetti assemblati e incollati al piano d’immagine costituiscono l’armamentario, che, per quanto precario e indigente, non rinuncia alla disposizione, a nucleare un forma. Questa, per quanto celata, si assesta, tende alla composizione. Come sempre, del resto, quando l’artista frequenta linguaggi poveri, quando pratica l’informe, l’esito compositivo, anche se negato, non resta inatteso. Tinamaria mostra così assegnare alla sua opera compiuta il senso dell’accadimento, il tragitto di un fare che maneggia e raccoglie, che sceglie e dispone all’insegna dell’accidente, dell’evento.

Ogni elemento si sigilla nel provvisorio, nell’ordito e precario, nel compiuto ma inesausto. Ciascuno ha un rapporto onnicomprensivo con la vita. Di qui la denominazione che l’artista ha dato ai suoi contenitori trasparenti, i box-es, quali rappresentazioni statiche dell’es-sere in costante divenire. L’opera, insomma, accade di fatto e in essa ogni mistura di colore e materia, ogni aggetto di forme e oggetti traspare, si coagula nel dato immaginativo trovato o affiorato dal gioco di fantasia come dalle pulsioni intime che l’artista insegue e cattura. Fantasie e pulsioni, con forte astrazione di forme, che Tinamaria sollecita e consegna al mutevole e accumulante orizzonte compositivo. Eppure, non poco di questa maniera, di questo fare con astrazione e dare concretezza d’immagine si accorda con il senso visivo, vasto e onnicomprensivo, del paesaggio naturale. La natura appunto quale ordito di visione, quale rispondenza percettiva e di aderenza prensile alle cose che raccoglie e dispone. Per quanto trasfigurate nell’astrazione le opere dipendono da ciò che l’artista vive e vede.

Sono gli scatti fotografici, le sequenze di visione su paesaggi e orizzonti, su marine e territori che l’artista produce assieme alle opere nei contenitori in plexiglass a fornirci la trama e il taglio immaginativo del suo fare compositivo. Certo, le cose viste intorno, la luce e gli spazi assumono forme e aggregazioni diverse attraverso l’occhio della mente, attraverso il maneggio dei materiali e dei colori. Le cose della vita come quelle della natura sono comunque un dono generoso nel loro sovrapporsi e intricarsi agli schemi d’immagine, alle proprie abitudini di stile. Costituiscono il senso primario che ci comprende e radica nel mondo, la sorpresa e la scoperta nelle forme dell’arte.

Coerentemente a tale appartenenza al divenire delle cose, Tinamaria non intitola le sue opere, non assegna loro un contesto di senso, un nominativo. Nel loro evento d’immagine, nel loro box-es, appartengono sempre a un che di già accaduto e che continuerà ad accadere, si distinguono per  numerazione da mille in poi. Dove forse il numero mille sta per il già accaduto. Tuttavia, la mancanza dell’intitolazione non impedisce la comunicazione, il senso d’immagine che le opere raccolgono e trasmettono puntando ora al gioco luminoso delle materie, ora all’ironia, ora al verso melanconico di degrado e cadute del mondo sociale. Così a vederle nel loro tessuto di richiami e allusioni, di simboli e metafore le opere di Tinamaria sembrano dirci, come tra le cose della vita, che le sue opere non hanno bisogno di un titolo per essere individuate e comprese.

L’impiego di forme astratte, di materiali e oggetti da tempo nell’arte mira a farsi specchio di stati d’animo e realtà sociali. Nel suo spettro espressivo Tinamaria unisce  alle forme plastiche, alla fotografia la musica, la sua voce di cantante, le sue parole di canzoni. Non sarebbe difficile intravedere e sentire fra queste modalità, queste capacità espressive, un qualcosa che accomuna, che intreccia e motiva nel suo animo. Qualcosa di trasfigurante e melanconico che abbraccia la sua vita e le forme dell’arte. Davvero il ritmo, non solo musicale, gli appartiene in chiave compositiva e ne fa uno stile d’immagine che più si contamina con le realtà della vita e più si arricchisce di occasioni creative.                                                                                   



CRITICAL PRESENTATION BY LUIGI PAOLO FINIZIO - May 2012                                                                                                                 

(Translated by Prof. Sandro Corso )

When you consider Tinamaria Marongiu’s compositions, boxed in Plexiglas transparent walls, you feel the artist invites you to watch beyond the usual window of art, as to encourage you to draw from a universe of forms which spring –artistically speaking – from the reality surrounding us. From the common, cast off universe of things, from the remains of worn out matter, from a lump of dust and uselessness, from scattered objects with a toxic, corrosive function, or even from elements which have the function of stirring or treating, e.g. pharmaceutical pills, with their rounded shapes of hardened, many-coloured paste.Matter combined with colour and assembled objects glued to an image surface make up the tools which - despite being precarious and destitute - do not shun arrangement, to become the nucleus of form. Although hidden, forms sooner or later settle and lean to composition. Usually when an artist uses a plain syntax, when shapelessness is pursued, a composition result, despite being denied, is to be expected. Tinamaria’s finished work bears the marks of an event - of an itinerary of gathering and handling, of choosing and arranging to chase an accidental event.Every element is sealed in a bubble of provisional, warped precariousness. Finished yet not exhausted. Man has an all-embracing relation with life. Hence the definition the artist gave of her transparent cases, box-Es, static representations of be-ing in constant be-coming. The work, as it were, is a factual event, and in it every mixture of colour and matter, every projection of forms and objects shows through, coagulates in a composition. It has been found - or has surfaced - as the result of a game of fancy, as well as from intimate drives the artist pursues and captures. By means of a strong formal abstraction, Tinamaria solicits fantasies and drives, and delivers them in a changeable and accumulating composition perspective. Much of her way of producing through abstraction, yet giving the concreteness of an image, matches the visual sense of natural landscape, vast and all-embracing. Nature, as it were, works as a tissue of vision, of perceptual correspondence and prehensile grip to the things it collects and arranges. Although abstraction transfigures them, her works are the result of what the artist sees and goes through. The photographic clicks, the vision sequences over landscapes and horizons, on marinas and territories the artist offers together with her works in Plexiglas cases, give us the plot and the imaginative perspective of her composition method. Obviously the things we see around us, together with light and space, assume diverse forms and relations through the mind’s eye, through the handling of materials and colours. The incidents of life, like natural things, are a lavish gift in their overlapping and tangling with imagination patterns, and with one’s own stylistic habits. The startling discovery of the forms of art is the primary energy which encompasses and roots us in the world.Coherently with the assignment of her works to the becoming of things, Tinamaria does not give them a title, nor does she give them a context of sense, a caption or an appellation. Because of their being imagination events, sealed in their box-Es, they always belong to a past moment which would occur again and again. They are identified by a progressive number, starting from a thousand, maybe hinting at finished, filed events. However, the missing title does not impeach communication. The works acquire and convey an image impression, exploiting sometimes the game of bright materials, or irony, or a melancholy sense of degradation and decay of the social world. When you see them in their context of suggestions and references, symbols and metaphors, Tinamaria’s works seem to tell us that her works – like the things of life – do not need a title to be identified and understood.It has been a long time since artists started using abstract forms, dismissed materials and objects, aiming at mirroring states of mind, besides social realities. But in her expressive spectrum, Tinamaria merges plastic forms and photography with music and her singing voice – even with the lyrics of her own songs. It would not be difficult to perceive in these expressive modalities and skills something which tangles and ripens in her heart. Something melancholy and transfiguring which imbues her life and art. Truly a rhythm, not only musical, is ingrained in a composition key, and produces an imaginative style: the more it contaminates with the reality of life, the more it is enriched with creative opportunities.        




#artecompatta

SOLO SHOW - ESPOSIZIONI PERSONALI

* July 1 / September 21 – 2011 “Art of Engagement” Art Fusion Galleries -Miami, Florida – U.S.A.

*October 1 / Dicember 21 – 2011 “ Synesthesya” Art Fusion Galleries - Miami, Florida – U.S.A.

* June 2/24 – 2012 “Fusion”  – With the Patronage of Common of Gabicce Mare Comune di Gabicce Mare (PU) Italy

* November 09/12   2012 “Fiera Arte Padova”  Padova - Italy

* February 14/18 2013 “Fiera Arte Genova” Genova  - Italy

* August 15/21 - 2013 “Box-Es Fotografie Pensieri Poesie” - With thePatronage of Orbetello’s Common c/o Archeological Museum Polveriera Guzman - 

Orbetello, Gr –Italy

* September 21/ October 4 - 2013 “Box-Es Fotografie Pensieri Poesie ”Garage n.3 Gallery – Mestre,  Ve – Italy

* March15/ April 3 - 2014 “Box-Es” - International Museum of Art Glass - Montegrotto Terme, Italy

*June 20/ September 7 – 2014 “Tinamaria Exhibit Box-Es”  - Hotel Leon d’Oro – Verona, Italy

* November 14/17 – 2014 “Fiera Arte Padova” - Padova,  Italy

*April 18 – 2015 Hollywood ArtWalk “My Art is where I am … even in a corner street” Made From The Heart With Love Hollywood, Florida – U.S.A.

* October 6/12 – 2015 “TM Box-Es - Photos and Sound-Poetry” - With the Patronage of Oristano’s Common c/o Teatro San Martino – Oristano- Italy

* July 06/18 – 2016 Box-Es “CAMALDOLI” – With the Patronage of Department of Culture of the City of Naples – c/o PAN – NAPOLI

* November 22, 2018 / January 7, 2019 “TM Box-Es COMPACT ART” – With the Patronage of Tirana’s Common – c/o IICAS TiranArtGallery – Tirana, Albania

*January 18 February … 2019 “TINAMARIA MARONGIU Box-Es ARTE COMPATTA With the Patronage of ITALIAN CONSOLATE of VALONA, Albania 



ARTE COMPATTA / COMPACT ART

MOSTRE COLLETTIVE - COLLECTIVE EXHIBITIONS 

* June 4 / November 26 - 2011 "Biennale di Venezia - Sezioni Arti visive" Parallel event "insideoutsidebiennale" Poesy Pavilion - Italy 
* September 3/ October 28 -2011 Itinerary 80 e Iperspazialismo (Collective) Atelier le Sous-Bois- Limoge, France
* September 17/24 -2011 "Biennale di Chianciano" Italy - (Winner of 3rd Prize "Leonardo" ex-aequo nella sezione "Applied Art"
* February 2/24 -2012 "Aires de Espana" BCM Art Gallery - Barcellona, Spain
* July 19/25 - 2012 "Aperitivo d'Arte" by Achille Bonito Oliva and Umberto Scrocca - Camponeschi - Roma, Italy
* July 26/August 1 - 2012 "Aperitivo d'Arte" by Achille Bonito Oliva and Umberto Scrocca - Camponeschi - Roma, Italy
* September 06/12 - 2012 "Aperitivo d'Arte" by Achille Bonito Oliva and Umberto Scrocca - Camponeschi - Roma, Italy
* Dicember 7 -2012 / January 26 - 2013 "Incandescent Jubilations" - Amsterdam Whitney Gallery - New York, USA 
* May 04/19 - 2013 "Donne 900" - Palazzo Foschi Numai, Museo Ornitologico - Forlì, Italy
* June 01/02 - 2013 "Embassy Pavilion" (Collective) "dentrofuoribiennale - Parallel Event" - Garage n.3 Gallery - Mestre, Ve - Italy
* Dicember 7 - 2013 / January 26 - 2014 "Gli Artisti" - Inetrnational Museum of Art Glass - Montegrotto Terme, Italy
* February 22/March 13 - 2014 MATERIA PRIMA - International Museum of Art Glass - Montegrotto Terme, Italy
* May 23/26 - 2014 "IL REALE E LO SCENARIO/LE REEL ET LE DECOR" - Belleville, Paris - France
* July 30 - 2014 "Omaggio a Stefan Luchian" - Forte Marghera - Venezia - Italy
* December 20 - 2014 / March 30 - 2015  G&S Alternative Space - Hollywood, Florida - USA 
* February 28 - 2015 "NATURA" SPECIAL EVENT - Nina Torres Fine Art Gallery - Miami, Florida - USA 
* June 12/28 - 2015 Pesaro Arte 2015 - (Tinamaria Marongiu guest artist out of competition) - Alexander Museum Palace - Pesaro, Italy
* June 18/25 - 2015 Aperitivo d'Arte ELECTRONIC ART CAFÈ - Camponeschi - Roma, Italy
*
June 29/ July 5 - 2015  1st International  Biennial of Art FB - Cesena, Italy
* July 9/12 - 2015 Art Monaco 2015 - Monaco, Montecarlo - France
* August 13/October 31 - 2015 Milano Expo 2015 International Contemporary Art - Centrale Idroelettrica Terzo - Trezzo sull'Adda, Milano - Italy
* October 23/25 - 2015 Carrousel du Louvre - Art shopping faire d'Art Parisienne au Louvre - Paris, France
* December 3/6 - 2015 MIAMI RIVER Art Fair - Miami, Florida - USA 
* February 4/19 - 2016 "PLASTICA" FONDAZIONE BARTOLI FELTER - Cagliari, Sardegna - Italy
* October 1/21 - 2017 BIENNALE DI CASERTA - Belvedere San Leucio - Caserta, Italy
* October 7/11 - 2020 - 43mo Premio Medusa Aurea per le Arti Visive - AIAM (Accademia Internazionale di Arte Moderna) Roma - Italy





AUCTIONS - ASTE



                                                            September 29 - 2014 CaputMundi                           May 6 - 2017  Picenum                            November 19 - 2017 Picenum                 December 16 - 2018 Picenum                                    May 31 - 2020 Picenum                          


PRIZES - PREMI



Biennale Chianciano - 2011                                3° prize “Leonardo Award” for Applied Arts   
                    AIAM (Roma)                                                    (Accademia Internazionale Arte Moderna)                 43° Premio Internazionale Medusa Aurea - 2020              1° prize Gold medal Sculpture Section          

           

ART IS LIFE - LIFE IS ART / TM Box-Es  

July 06/18-2016 “CAMALDOLI” –
With the Patronage of Department of Culture of the City of Naples – c/o PAN – NAPOLI    PRESENTAZIONE CRITICA DI LUIGI PAOLO FINIZIO LUGLIO 2016:



Con sagace quanto imperterrita costanza Tinamaria Marongiu torna con le opere qui esposte a congiungere essere e divenire: come intende dire per i suoi Box-Es, per i suoi prensili e inscatolati sguardi sulle fattezze della vita, sulle più varie e circostanti realtà del nostro mondo organico ed inorganico. Per chi conosce già la sua opera creativa o per chi è la prima volta che la vede, la mostra profila una nuova sequenza di contenitori trasparenti in plexiglas e forex.

Ciascuno sigillante al suo interno un frammento di mondo, un sincretico combinarsi di oggetti e materie che fermano il tempo del loro apparire tra di noi, del loro durevole ed effimero stare nel divenire della vita, del loro essere al mondo.

Come lei tiene a dire: «sono rappresentazioni statiche dell’Es-sere in costante divenire».

Nel suo fare arte, il senso intimo e scoperto resta e si dichiara quello di unire le distanze, di congiungere il diverso, di accorpare quanto tende a dileguarsi.

 Così, l’incongrua congerie di oggetti e di materiali, i loro plastici impasti duri fusi a vivaci colori, ora bui ora solari, ma pure aurei, compongono insiemi raccolti e solidi d’immagine. Insiemi la cui tenuta simbolica e morale, il loro significato di aspirante coralità, è un pensiero dominante che Tinamaria imprime su di essi, che ne coagula l’unità creativa, il loro gioco di fantasia.

Spesso il complesso di materie, il loro mélange di colori si accompagna a delle didascalie, a dei pensieri che rendono i Box-Es loquaci, con cui l’artista ne marca l’intento comunicativo, l’incorporarsi di un pensiero reso visivo. E c’è un ordito nei Box-Es, un disporsi e disporre i dati, i reperti compositivi che sebbene tenda all’informe, allo stato germinante della forma non rinuncia alla misura, al controllo spaziale dell’abitacolo trasparente. Al suo inattivo e microteatrale spettacolo delle cose della vita.

Di recente, Tinamaria Marongiu ha voluto ribadire per le sue opere il senso di plenario appello, di indifferente convocazione sulle cose del mondo, sulle cose della vita coniando per esse la definizione di «arte compatta». Come a volerne sottolineare il radicale principio di relazione che si racchiude in esse. Proposito di raccolta e raccoglimento che anima fisicamente, nel loro corposo farsi immagine, la simbolica costituzione dei trasparenti Box-Es. Ne dichiara la corale domanda, la metaforica impellenza di fratellanza nel sociale.

Di fatto, si sa, nel sentito bisogno di stringere l’arte alla vita, l’assunzione di oggetti, dalla natura come dalla più varia circolazione di manufatti, l’occasionale o preventivo reperimento di materiali da manipolare e allestire nell’opera stanno nelle pratiche dell’arte moderna. Dal collage ai vari assemblaggi di materie e oggetti corre, ancora oggi, un fare arte oltre la pittura che continua a sostituirla con l’intromettere in essa l’eterogeno e materiale frastuono delle cose della vita.

Questi Box-Es ne sono una ulteriore prova creativa, un gesto d’immagine con cui l’artista rivolge al mondo la sua radicale domanda di relazione, di indissolubile esistenza comune.       LUIGI PAOLO FINIZIO                  


https://www.facebook.com/CompactArt.TM/

CRITICAL PRESENTATION BY LUIGI PAOLO FINIZIO July 2016

With shrewd as undaunted constancy Tinamaria Marongiu returns with the works here exposed to join being and becoming: how she intends to say for her Box-Es, for her prehensile and canned looks on the features of life, on the most varied and surrounding realities of our world organic and inorganic. For those who already know her creative work or who is the first time he sees it, the show profiles a new sequence of transparent containers in Plexiglas and forex.

Each sealant within it is a fragment of the world, a syncretic combination of objects and materials that stop the time of their appearance among us, of their lasting and ephemeral being in the becoming of life, of their being in the world.

As she is keen to say say, "they are static representations of the ever-changing Being". In her art making, the intimate and uncovered sense remains and declares itself to unite the distances, to join the different, to unite what tends to disappear.

Thus, the incongruous congeries of objects and materials, their plastics, hard melts fused with bright colors, now dark sunsets, but also golden ones, compose gathered and solid sets of images. Sets whose symbolic and moral tenure, their significance of aspiring chorality, is a dominant thought that Tinamaria impresses upon them, which coagulates their creative unity, their fantasy play.

Often the complex of materials, their mélange of colors is accompanied by captions, to the thoughts that make the Box-Es talkative, with which the artist makes the communicative intent, the incorporation of a thought made visual. And there is a warp in the Box-Es, an arrangement and disposing of the data, the compositional finds that although it tends to the shapeless, to the germinating state of the form does not give up the measure, to the spatial control of the transparent interior. At her inactive and microteatrical spectacle of the things of life.

Recently, Tinamaria Marongiu wanted to reiterate for her works the sense of plenary appeal, of indifferent convocation on the things of the world, on the things of life, coining for them the definition of "COMPACT ART". As if to underline the radical principle of relationship that is enclosed in them. Purpose of collection and recollection which physically animates, in their full-bodied form, the symbolic constitution of transparent Box-Es. It declares the choral question, the metaphorical impellence of brotherhood in the social sphere.

In fact, we know, in the need to tighten art to life, the taking of objects, from nature as well as the most varied circulation of artefacts, the occasional or preventive finding of materials to be manipulated and set up in the work are in practices of modern art. Even today, from the collage to the various assemblages of materials and objects, art is made beyond painting, which continues to replace it with the intrusion of heterogeneous material into the material of life.

These Box-Es are a further creative proof, a gesture of image with which the artist addresses to the world her radical question of relationship, of indissoluble common existence.                                                                                                   



TM Box-Es

ARTE COMPATTA: UNICITÀ - UMANITÀ  - UNIVERSALITÀ - UNIONE - UGUAGLIANZA      
 COMPACT ART : UNIQUENESS - HUMANITY - UNIVERSALITY - UNION - EQUALITY  

PRESENTAZIONE CRITICA DI LUCIA CUCCIARELLI - GENNAIO 2019                                                                                                                                                       Italo Calvino diceva che l’immaginazione é il repertorio del potenziale.

Italo dice che l’immaginazione é uno strumento di conoscenza.

Lo dimostra la lezione sulla visibilità.

Il visitatore entra nello spazio dove Tinamaria ha disposto le sue opere con il pensiero che l’arte, a volte, riempia la distanza fra cielo e terra.

Lo sguardo incontra i Box-Es, i contenitori d’arte, così chiamati dall’artista, perche ogni spazio da loro rappresentato é chiuso in un immaginario confine che non permettere di toccare, di afferrare, ma solo di guardare.

Dentro ai Box sono scolpiti nuovi mondi, una realtà aumentata, dove le logiche che conosciamo, i codici di comunicazione che regolano l’universo di senso nel quale ci muoviamo, e dai quali siamo tutti condizionati, sono completamente cambiati.

Le opere dell’artista sono materia viva, pulsante, che afferra e attrae con un magnetismo fortissimo.

Sembrano sconosciuti meccanismi che alludono a misteriosi congegni primordiali. Sono espressioni di incontri fra frammenti di realtà, fusioni di materie terrestri che non avrebbero mai potuto avvicinarsi.

Nodi spigolosi, metalli taglienti, punte acuminate, sfondi di tempestre terrestri, resti di guerre stellari, rami consumati da fuochi ribelli, resti di civiltà del consumo e dello spreco, diventano materiali preziosi, si addolciscono in momenti segreti, in visioni impalpabili, in riflessi luminosi che appartengono a un organizzazione di senso aliena.

Un diverso, misterioso percorso di senso, silenzioso e composto.

Tinamaria Marongiu rende visibili legami segreti fra frammenti di materie, di sostanze e di colori non più abitati dal loro significato tradizionale, lontano da una logica riconoscibile, lontano dalla normale identità.

L’artista reinventa il loro “riuso”, si fa portatrice di nuove scoperte, trasformando questi sofferti residui abbandonati nel nulla, condannati al niente, in nuovi potenti contenitori di vibranti messaggi.

L’incontro fra questi nuovi nuclei di realtà, che vivono magie di colore, luminose trasparenze, sottili giochi di luce, provoca la nostra immaginazione e scatena nuovi emozioni.

Emozioni sempre nuove perchè ogni Box riceve dall’esterno, dal luogo che visita, dalla luce che vive, una nuova interpretazione. il loro mondo non esce, non aggredisce, non si allunga: è l’osservatore che si proietta nello spazio del Box, a vivere il gioco di inattese suggestion, di impreviste dimensioni.

Ma tutto è nel limite di una geometria spaziale elegante e equilibrate, dove ogni frammento, ogni piccolo punto di colorediventa protagonist di un’algebra complessa, di un’astronomia stellare in un lento, muto, ma splendente movimento di corpiferrosi e di rugginose costellazioni, sospese in una sorprendente armonia, perchè su questi pianeti regna una serenità sovrana, un ordine perfetto.

E il fascino di queste creature cattura noi, inonsapevoli estranei visitatori, con un impeto vitale.

Piccoli elfi, minuscole fatine sono posate nell’incavo di questi territori sconosciuti, a raccontare la forza e il mistero dell’arte in cui vivono la forza segreta.                                      Lucia Cucciarelli


CRITICAL PRESENTATION BY LUCIA CUCCIARELLI January 2019


Italo Calvino used to say that imagination is the repertoire of potential.

Italo says that imagination is an instrument of knowledge.

This is demonstrated by the lesson on visibility.

The visitor enters the space where Tinamaria has arranged her works with the thought that art, at times, fills the distance between heaven and earth.

The gaze meets the Box-Es, the containers of art, so called by the artist, because every space they represent is closed in an imaginary border that does not allow to touch, to grasp, but only to look.

Inside the Boxes are carved new worlds, an augmented reality, where the logic we know, the codes of communication that regulate the universe of sense in which we move, and from which we are all conditioned, have completely changed. The artist's works are a living, pulsating material that grasps and attracts with a very strong magnetism.

It seems strange mechanisms that allude to mysterious primordial devices. They are the expression of encounters between fragments of reality, fusions of earthly materials that could never be approached.

Sharp nodes, sharp metals, sharp points, backgrounds of earthly storms, remains of star wars, branches worn by rebel fires, remains of civilization of consumption and waste, become precious materials, soften in secret moments, in impalpable visions, in reflections bright that belong to an organization of alien sense.

A different, mysterious path of meaning, silent and composed.

Tinamaria Marongiu makes visible secret links between fragments of materials, substances and colors no longer inhabited by their traditional meaning, far from a recognizable logic, far from normal identity.

The artist reinvents their "re-use", becomes the bearer of new discoveries, transforming these suffered residues abandoned in nothingness, condemned to nothingness, into new powerful containers of vibrant messages.

The encounter between these new groups of realities, living magic of color, bright transparencies, subtle play of light, provokes our imagination and unleashes strong emotions.

Always new emotions because every box receives from the outside, from the place that visits, from the light that lives, a new interpretation. Their world does not come out, does not attack, does not stretch: it is the observer who projects himself in the space of the Box, to live the game of unexpected suggestions, of unexpected dimensions.

But everything is within the limits of an elegant and balanced spatial geometry, where every fragment, every little point of color becomes the protagonist of a complex algebra, of a stellar astronomy in a slow, mute, but shining movement of ferrous and rusty bodies constellations, suspended in a surprising harmony, because on these planets a sovereign serenity reigns, a perfect order.

And the charm of these creatures captures us, unaware strangers, visitors with a vital impetus.

Little elves, tiny fairies are laid in the hollow of these unknown territories, to tell the strength and the mystery of the art of which the secret force lives.                                                                                                            Lucia Cucciarelli 



Museo Internazionale
del Vetro d’Arte e delle Terme
- Montegrotto Terme, Padova -

2014 – Gianni CUDIN

The various creative experiences lived by the artist did not lose her confidence for her research work, in fact contributed to the creation of a way of " making art " completely original , a mental space supported by scaffolding of meanings. In her work are collected elements that at first sight may seem marginal provocation , but a careful observation her work is based on the motions of a sentimental way to feel alive in complete dedication to pure research in a creativity that has as its backbone her experience and the metamorphosis of a world in constant evolution. The composition of its box -es concepts become a reality, which has internalized the inner substance of an aesthetic idea that can lead to subtle cue dissertations and shocking , but it is the materiality of our daily life that is enclosed in transparent boxes . The material loses weight , becomes color, light, what are the real essence of the artist's thought , pure synergy , crystallization , assembled forms which can escape from rational thought , where everything is investigated, but for Marongiu are the space where it is enclosed the work in an enigma free to interpretation .
 



... Tinamaria Marongiu inside the book 

Tinamaria Marongiu è presente nel libro "Gli Artisti" dedicato al Museo e agli amici Artisti a cura di Giovanni Matteo Cudin.                                   

http://www.arte.it/calendario-arte/padova/mostra-tinamaria-marongiu-box-es-7381

2013 – GIANFRANCO CHINELLATO


Tinamaria Marongiu, is a particular Artist, the "voice of feelings," a soul that lives and transmits impulses and sensations "unique" in its genre. Her way of thinking about art education is outside of all patterns of conventional art ...

" IL SEGNO DEL DOMINIO DI FUOCO NELL’ARTE DI TINAMARIA MARONGIU "

Tinamaria Marongiu, è un Artista particolare, la “voce dei sentimenti”, un’anima che vive e trasmette impulsi e sensazioni “uniche” nel suo genere. Il suo modo di concepire la materia artistica è fuori   da tutti gli schemi dell’arte convenzionale.

Le sue opere ‘arte, le canzoni mi affascinano e mi conducono nei sentieri dell’obblio. La sua visione dell’arte è meritevole e vera, pregna di “stigmatizzazioni e impulsi” che definirei esoterici.

I suoi lavori artistici rimangono sempre presenti nella mia mente. Essi seminano particolari segnali che mi conducono a visioni spettrali, nella non convenzionalità dell’arte contemporanea, “ le opere sono uniche e vere” nel loro genere che direi “spettrale”.

La Marongiu opera in vari settori dell’arte: dalla canzone, composta in vari momenti della vita, alla pittura, alle opere plastiche, alla poesia-visiva, alle istallazioni (Box-Es), alla fotografia d’immagini, quasi ottocentesca, (particolarmente viva ed essenziale) dominata da un rigore stilistico di altissima qualità. Da notare, poi, che l’artista sarda non ama l’arte accademica, anche se nella sua cultura non   mancanocerto gli studi regolari, impegnativi e complessi, in vari settori riguardanti la musica e le arti visive in genere. Osservando ancora le sue opere fotografiche, realizzate in codesti anni, mi pare di notare che esse non siano nate quasi per caso e che le immagini di personaggi fotografati siano frutto di una ricerca interiore particolarmente felice e mirata.

La tecnica     di ripresa deisoggetti     è   formidabile     e complessa, frutto di una valente partecipazione allo scatto simbolico. Nulla è casuale per Tinamaria Marongiu. Il suo mondo fotografico è quanto mai “felice” e poetico. Le sue immagini non mi fanno pensare alla solita fotografia da circolo fotografico, ma mi trasmettano sensazioni molto particolari e raffinate. I volti sono unici e la ripresa, nata non a caso, è particolarmente mirata, mi riporta il pensiero ai grandi maestri della fotografia francese e americana, in particolare.

Anche i lavori artistici “quasi artigianali” della Marongiu mi entusiasmano e mi fanno capire quanto importante sia il suo lavoro, permeato di significazioni percettive e psicologiche, vedi gli sguardi delle persone fotografate. Anche la poesia visiva è molto importante e mi ricorda alcuni lavori che realizzai anni addietro, pertanto la comprendo ancora di più.

Se osserviamo bene, poi, alla presenza dell’artista lo sguardo e i suoi occhi di donna, essi mi paiono fatati, e mi

rendo conto di trovarmi alla presenza di una personalità particolarmente sensibile. L’artista cagliaritana mi conduce in un mondo di grande passione e umanità; la sua figura di donna, vestita di nero come una principessa, domina su di una spiaggia solitaria e si riflette su di un mare aperto che fa elaborare la mia mente al sogno e al mistero.

Gianfrancesco Chinellato

Venezia-Mestre, 26.9.2013



NEW YORK, USA - DECEMBER 7, 2012 – JANUARY 26, 2013     “INCANDESCENT JUBILATIONS”        

        


RUTHIE TUCKER                                              Modern artist Louise Nevelson stated, “Art is everywhere, except it has to pass through a creative mind.” Contemporary artist Tinamaria Marongiu’s three-dimensional assemblage creations channel artisanal craftsmanship through nostalgic ephemera, interweaving delicate materials behind Plexiglas to create illuminating shadow “Box-Es” imaginatively recalling pastime curiosity.

Tinamaria Marongiu titles her artistic creations “Box-Es,” through which she ardently assembles numerous man-made and natural materials including paper, lace, rocks and wood onto canvases propped inside Plexiglas boxes. Historically connected to Renaissance “Wunderkammer” (Cabinets of Curiosity), Ms. Marongiu creates visual curiosity cabinets out of resplendent visceral ephemera analogous to the masterful works of Modern assemblage pioneers Joseph Cornell and Louise Nevelson. Similar to educational vitrines at a Natural History Museum, the “Box-Es” act as a theatrical stages allowing childlike curiosity to fervently unfold. These ecological and cultural topiaries recombine our contemporary multi-media world into visually stimulating realms, awakening pure sensational enquiry by joyfully examining the assembled material configurations. Ms. Marongiu arouses universal pastimes by unearthing a playful inquiry reminiscent of childlike curiously, allowing viewers to joyfully examine a newfound view of the surrounding world through material appropriation in her multifaceted assemblage “Box-Es”                     Ruthie Tucker



Time: September 21, 2013 at 5:30pm to Opctober 4, 2013 at 9pm
Location: GARAGE N.3 GALLERY
Organized By: TIZIANA BARACCHI

Event Description:

GIANCARLO DA LIO e  TIZIANA BARACCHI
AMBASCIATORI
PRESENTANO
Tinamaria Marongiu
espone
“Box – Es
Fotografie Pensieri Poesie”
inaugurazione  alle ore 17.30 opening at 5.30 p.m.
21 settembre 2013   September 21st 2013
 

- Introduzione critica di GIANCARLO DA LIO -


 Il contenitore non serve per abbellire ma per sottolineare la visione di un pensiero sensibile che aiuta tutti noi a riflettere su di un ambiente troppo spesso legato alla miracolosità di una scientificità che tende solo a farci dimenticare la bellezza del naturale. Quindi Box-Es come contenitori di spiritualità, di sentimenti, di osservazioni critiche. Osservazioni che esondano nella fotografia come testimonianza di un oggi che è già ieri. Il tutto è sottolineato dal colore del tempo che è unico grande metro di valutazione dell’ oggi legato troppo all’idea di effimero.



GIANCARLO DA LIO - 2010                      


The great venetian architect Carlo Scarpa encouraged
his students to consider and understand the great importance of the materials used to achieve the desired result. A great lesson in an age where we tend to emphasize the ephemeral tends to be too often forgotten. The same wisdom and love for the quality of materials they find in the works of Tinamaria Marongiu. A knowledge accompanied by a taste for the investigation of Contemporary human crises represented by the pads, the symbol of the psychological well-being. It leads to remember how Carlo Mauri on his journey in the footsteps of Marco Polo tells how some people kept antibiotic tablets in their hands thinking they were talismans. Simple interpretation that can bring a smile. But the evolved human behavior is not dissimilar. We swallow a bitter reality, being often non-compliant with doses and times, always hoping for a miraculous effect.Aiming always miraculous effect. The route of the "magic pill" it makes us feel safer. And so pills designed in shape, color to make them attractive as confetti. But not always able to satisfy our desires. This then is completely defined by the plexiglas container. A container that is used to control the desire expressed by relaxing colors such as blue, green water, but also the dream as a measure of positivity. One can not dream. The dream is life itself. Perhaps the work becomes the threshold between being and receiving. A threshold unstable, swinging between heaven and hell. And often the small, insignificant, attractive pill is its threshold. The ephemeral life leads to excessive consumption. Excessive, continuous ... disruptive. So the title of his work brings us back to the magical world of boxes, which can swallow, preserve or protect our memories. Tools made available to our being that
is not always able to think in terms of balance.

 


2013 -'' Compact Art"
After years of research and experimentation Tinamaria Marongiu coined the term "Compact" in Contemporary Art, with with the intention to give a specific classification to her "Box-Es" made ​​with materials disparate and hard cheeses cast to the color. Tinamaria's work is composed of matter and thoughts that blend and become compact, representing...Matter and thought that blend, compact, representing fragments of a personal vision of our world and moments of Social life.

Tinamaria Marongiu… a Social Ideal in her Thought

COMPACT: harmonious, united, unanimous compact group, compactness

---"COMPACTNESS" as for "UNIVERSAL UNION" .... leading to the construction...which way "Universal Union" leading to the construction of the new, the right, in respect of humanity and of our Universe that so abused, goes in and destroys. Voices of people traveling through thebouncing virtual network, between images and phrases of discontent and dispute, around the globe. Ideal of life for a “COMPACT HUMANITY” TM Box-Es 


TINAMARIA MARONGIU's ceramic word